Sperma migliore da uomini più intelligenti?

Migliori spermatorzoi da uomini più intelligentiSembrerebbe di sì. Da una ricerca condotta negli Stati Uniti emerge che gli uomini più in forma ed intelligenti produrrebbero spermatozoi più sani e vitali e avrebbero maggiori possibilità di riprodursi. Questo quanto emerge da uno studio pubblicato nel 2009 Miller Geoffrey e pubblicato sulla rivista Commun Integr Biol. La qualità degli spermatozoi prodotti dall’uomo, pertanto, potrebbe infatti essere un buon indicatore delle sue capacità intellettuali. Questo potrebbe essere interpretato in chiave evolutiva: l’intelligenza di un uomo rappresenta alle donne il suo stato generale di salute e quindi le sue capacità riproduttive. I ricercatori dell’università del New Mexico hanno analizzato i campioni di sperma di diverse centinaia di uomini e confrontati con opportuni test hanno misurato il loro stato di salute fisica e la loro intelligenza.

Leggi tutto: Sperma migliore da uomini più intelligenti?

Utilizzo improprio del testosterone: fare molta attenzione

testosterone e sistema cardiovascolareUn recente  lavoro scientifico, apparso sul Journal of the American Medical Association e condotto su circa 8.700 uomini, sembra scatenare tutte una serie di paure ed ansie in chi utilizza questo ormone come terapia sostitutiva, ad esempio nei deficit legati all’andropausa. Infatti, questo studio di analisi retrospettiva, condotto da alcuni ricercatori del Southwestern Medical Center di Dallas, sembra mostrare un aumento del rischio di infarto, ictus e morte nei maschi che iniziano questa terapia con il testosterone dopo essersi sottoposti, per important problemi cardiovascolari, ad una angiografia delle coronarie.
La casistica presentata è imponente: quasi 9000 uomini con un’età media di 60 anni, importanti problemi cardiaci, come già detto, e un livello di testosterone nel sangue sotto i 300 nanogrammi per decilitro  (per avere un vero e proprio deficit di ormone, cioè un ipogonadismo, si deve scendere al disotto dei 230 nanogrammi per decilitro).

Leggi tutto: Utilizzo improprio del testosterone: fare molta attenzione

Cialis da 5 mg 1 volta al giorno: terapia adeguata anche in caso di disfunzione erettile completa

Nuove evidenze scientifiche dimostrano un’ampia efficacia del farmaco Tadalafil da 5 mg (Cialis)  nel miglioramento della funzionalità erettile.
La disfunzione erettile completa, definita come persistente insuccesso a raggiungere una adeguata erezione per un soddisfacente rapporto sessuale, può rappresentare una sfida per gli inibitori della fosfodiesterasi 5. Infatti, pazienti con deficit erettile completo potrebbero scontrarsi con conseguenze che riducono l’efficacia di questi farmaci, generano ‘evitamento’ e stress nelle relazioni sessuali e inducono gli uomini a dichiarare che ‘la terapia non ha funzionato’. Questo genera un circolo vizioso per cui gli uomini con deficit erettile severo risultano ancora più resistenti a cercare un consulto medico. D’altro canto, da un punto di vista fisiopatologico, una prolungata riduzione della frequenza delle erezioni può ulteriormente peggiorare la severità del deficit erettile perché si ha una alterazione cronica della tensione di ossigeno a livello arterioso e cavernoso.

Leggi tutto: Cialis da 5 mg 1 volta al giorno: terapia adeguata anche in caso di disfunzione erettile completa

Cancro alla prostata: primo per incidenza nell'uomo

Cancro alla prostata primo nell'uomoMai come oggi è importante che gli uomini  imparino a fare prevenzione con costanza contro il cancro alla prostata. Sul banco degli imputati il tumore alla prostata. In  Italia, con 42.800 nuovi casi nel 2011, e' il piu' frequente  tra i tumori maschili, con un'incidenza superiore a colon e polmone. Dato allarmante, la malattia e' in aumento tra i giovani. Un tempo patologia tipica dell'eta' avanzata, oggi sempre piu' soggetti con età inferiore agli anni 60 si trovano a far i conti con il carcinoma prostatico. E’ importante, pertanto, che gli uomini a partire dai 45 - 50 anni ogni anno si sottopongano a un controllo urologico. In caso di familiarità per tumore prostatico l’età consigliabile per eseguire la prima visita urologica di prevenzione è di 40 anni. Un semplice esame del sangue, il dosaggio del PSA,  puo' dare immediata evidenza dell'insorgere della patologia e guidare il percorso medico.  E' importante non trascurare i primi segnali: bruciore, difficolta' urinarie, frequenza della minzione e sangue nelle urine o nello sperma. Chi ha questi  sintomi non ha alibi per non farsi subito controllare anche se tali disturbi ben difficilmente possono essere correlati alla presenza di un tumore, almeno nelle fasi iniziali, ma più spesso segni di infiammazione alla prostata (prostatiti) o ingrossamento benigno dell’organo (IPB). L'impressionante aumento dell'incidenza e' legato non solo ai fattori di rischio probabilmente in aumento ma soprattutto alla diffusione del PSA nella popolazione maschile. Di fondamentale importanza è il  tema della multidisciplinarita': prima di intervenire occorre definire il percorso attraverso l'interazione tra i vari specialisti, individuando il ruolo di ciascuna terapia a seconda del paziente. Non si puo' avere una visione solo chirurgica o solo oncologica.

FacebookGoogle PlusTwitter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Urologotorino.it utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Copyright © 2011 - Tutti i diritti riservati
Urologo Andrologo Dott. Gian Luca Milan - Via Gioanetti 7/A - Torino - Italia - Tel. +39 011 8399088 - P.Iva 08995770016 - C.Fisc. MLNGLC74E30C665B
Note legaliNorme Privacy | Cookies Policy