Covid-19 e danno renale

covid 19 in circolo

Il virus SAR-COV-2 (COVID-19) è un virus che ha sconvolto negli ultimi mesi i sistemi sanitari di tutto il mondo e l’OMS ha dichiarato questa infezione come pandemica. L’osservazione e l’esperienza clinica porta all’attenzione scientifica le sequele che tale malattia infettiva può causare nei pazienti colpiti dove il danno nei pazienti affetti da tale malattia sia in fase acuta sia dopo la guarigione può colpire non solo l’apparato respiratorio ma anche altri organi o apparati quale quello renale.

Leggi tutto: Covid-19 e danno renale

Coronavirus trasmesso da urine e feci: conferma dalla Cina

riproduzione coronavirus covid19 urine

Il 9 gennaio fu identificato l’agenza eziologico di una nuova malattia. Si trattava di un nuovo coronavirus chiamato ufficialmente SARS-CoV-2 . Come ormai tutti sanno la trasmissione di questo virus ha avuto  carattere planetario e, pertanto, si parla di pandemia. La malattia determina un’infezione del tratto respiratorio superiore e del tratto intestinale.

Leggi tutto: Coronavirus trasmesso da urine e feci: conferma dalla Cina

Fertilità maschile: prevenzione attiva

fertilita maschile

La riduzione della fertilità maschile negli ultimi anni ha portato la comunità scientifica ad affrontare il tema dell’inquinamento ambientale. Sembra che rispetto a circa 50 anni fa la qualità del liquido seminale sia diminuita (50% in meno del numero degli spermatozoi). Questo produce un aumento delle coppie che non riescono a procreare. L’ambiente in cui si vive, gli stili di vita e il contesto sociale sono tutti fattori negativi per la procreazione.Se parliamo di ambiente non possiamo trascurare l’inquinamento.

Leggi tutto: Fertilità maschile: prevenzione attiva

Terapia antibiotica delle infezioni prostatiche

antibiotici infezioni prostatiche

Uno dei dilemmi più comuni per noi urologi è il trattamento antibiotico delle infezioni acute o croniche della prostata (prostatiti acute e croniche). Normalmente, gli antibiotici per raggiungere le secrezioni prostatiche e i condotti prostatici devono attraversare i capillari epiteliali e prostatici. La difficoltà nel trattamento di queste affezioni risiede nel fatto che tale diffusione è ostacolata dalla presenza di vasi capillari poco permeabili ai farmaci. Inoltre, l’assenza di meccanismi di trasporto attivi nell’epitelio prostatico rende difficile molto spesso riuscire a creare una concentrazione attiva di farmaci per debellare i batteri presenti nel parenchima di questa ghiandola. Pertanto, per raggiungere il tessuto prostatico o le secrezioni prostatiche, in concentrazione sufficiente da produrre un effetto farmacologicamente attivo, l’antibiotico che scegliamo deve possedere determinate caratteristiche: da un lato deve essere quello giusto per combattere i germi e dall’altro deve poterci arrivare nelle concentrazioni adeguate e deve poter agire in un tempo sufficiente.

Leggi tutto: Terapia antibiotica delle infezioni prostatiche

FacebookGoogle PlusTwitter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Urologotorino.it utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Copyright © 2011 - Tutti i diritti riservati
Urologo Andrologo Dott. Gian Luca Milan - Via Gioanetti 7/A - Torino - Italia - Tel. +39 011 8399088 - P.Iva 08995770016 - C.Fisc. MLNGLC74E30C665B
Note legaliNorme Privacy | Cookies Policy